Seleziona una pagina

piano B

Per una convenzione nazionale pacifista.

Un “piano B” per uscire dalla Nato

L’appello di Angelo Baracca​​ apparso​ su​​ il manifesto​ qualche giorno fa per una “convenzione nazionale pacifista” ci sembra centrato e condivisibile. Come Rifondazione Comunista e come pacifisti irriducibili aderiamo con convinzione ritenendo che l’appartenenza del nostro Paese alla Nato sia uno dei problemi in cima alla classifica dei disastri nazionali (e globali).

L’Italia ha già accumulato pesantissime corresponsabilità di guerra verso i popoli di altri Paesi non ostili.

Non intendo riproporre le condivisibili argomentazioni che sono state esposte nell’appello ma ritengo utile aggiungerne altre per rafforzare la necessità politica del salto epocale che comporterebbe l’uscita del nostro Paese dall’alleanza militare più belligerante del mondo.

Abbiamo un serio problema con il complesso militare-industriale occidentale.​

E’ stato detto, giustamente, che gli azionisti dell’industria militare sono stati gli unici ad averci guadagnato dalla guerra mondiale a pezzi scaturita dalle esportazioni “democratiche ed umanitarie” della Nato e delle “coalizioni di volenterosi”.​

Un dato fondamentale che purtroppo viene scarsamente considerato anche dai pacifisti è che l’84% della produzione globale di armi e sistemi d’arma è controllata da multinazionali statunitensi, europee e da alleati strategici come Israele, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti.​

La guerra è un processo produttivo e chi tira la carretta della corsa agli armamenti globali (compresa, secondo il Sipri, l’internazionalizzazione della filiera bellica) è il blocco euro-atlantico con gli Stati Uniti come capofila inossidabile.

Il cieco e imbarazzante atlantismo del nostro Paese è retto ed eterodiretto da una relazione tra l’industria bellica nazionale (Leonardo, Fincantieri ma non solo) e quella anglo-statunitense: parliamo di un sistema di controllate e joint venture che produce la quota più consistente del fatturato bellico tricolore all’estero e determina l’asse strategico del Paese…

Tutto ciò aggravato da un ventennio in cui il management governativo ha svuotato Finmeccanica (poi Leonardo) dei suoi asset civili per puntare tutto sull’hi-tech militare, ahi noi con l’avvallo sconsiderato dei sindacati confederali.​

In un turbinio di porte girevoli tra politici, generali, ammiragli, servizi segreti e cariche aziendali il fatturato di Leonardo “one company” è diventato ufficialmente il pilastro della politica estera, militare ed industriale nazionale. Le forze armate, il “cliente domestico”, sono dichiaratamente diventate il vuotatoio ad alta tecnologia dell’industria che così si vede garantite dallo stato ricerca, sviluppo e commesse.​

Le stesse forze armate spedite in giro per il mondo sono considerate da Alessandro Profumo, ad Leonardo, la migliore vetrina del “prodotto” per i clienti stranieri.

Infine con la norma “Government to Government” voluta dal ministro Guerini (PD) ai tempi del Conte bis, il ministero della Difesa è stato trasformato in agente di commercio internazionale dell’industria bellica nazionale.​

Sarebbe tempo di fare i conti, in forte ritardo, con la contro riforma che ha permesso tecnicamente e giuridicamente al nostro Paese di stare nella Nato e in tutte le sue guerre post ‘89. La professionalizzazione delle forze armate avviata col Nuovo Modello di Difesa all’indomani della prima guerra del golfo nel 1991 rispose ad una precisa richiesta degli Stati uniti agli alleati dopo l’implosione sovietica: non più fanteria d’arresto ma corpi di spedizione da proiettare ovunque. Lo standard organizzativo adottato fu quello anglo-statunitense. Un esercito divoratore di alta tecnologia con una truppa volontaria, di mestiere, socialmente ricattabile e con una ferma di almeno quattro anni è un requisito fondamentale per gestire guerre d’aggressione ed occupazioni militari in più Paesi contemporaneamente e per garantire dividendi sostanziosi all’industria di riferimento.​

Un modello tecnico-organizzativo indispensabile per qualsiasi politica estera interventista e neocolonialista.

La moderna carne da cannone è molto più gestibile: passa dallo status di eroe (volontario, era il suo mestiere…) se cade sul campo di guerre inutili a quello di fantasma se si ammala e muore a causa dell’esposizione all’uranio impoverito.

La Nato è tutto questo: standard tecnologici e organizzativi, grandi esercitazioni continentali e nemici inventati da combattere. Le basi Nato/statunitensi sul nostro territorio e le bombe nucleari in esse custodite sono l’ipoteca più grande sul nostro futuro, per avere in cambio un presente/passato di guerra permanente ed instabilità.​

La Sinistra europea, di cui Rifondazione è membro, si è recentemente dichiarata fermamente contraria al riarmo europeo in atto e per lo scioglimento della Nato.​

Trent’anni di professionalità bellica possono bastare: è tempo di mettere in discussione l’attuale modello di “difesa” strutturalmente offensivo per ripensarlo da cima a fondo ed utilizzarlo (industria di riferimento compresa) a “casa nostra”, a supporto di Protezione civile e Vigili del fuoco, nelle emergenze che scaturiscono dal caos climatico montante. Ci serve urgentemente un credibile e concreto “Piano B” per uscire dalla Nato.​

Gregorio Piccin,
responsabile dipartimento Pace Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Un Esercito europeo per la guerra mondiale? Appunti per un dibattito urgente.

La guerra in corso in Ucraina sembra segnare uno spartiacque. Non sarà questa guerra in sé ad aprire una nuova fase negli assetti globali ma di certo rappresenta il punto di arrivo di una traiettoria. Per il governo russo l’invasione è stata sia una chiara e rischiosa affermazione di potenza,...

Reduci contro la guerra

reduciReduci contro la guerraGli ex militari italiani vittime dell'uranio impoverito sono contro l'invio di armi e soldati e chiedono verità e giustizia per loro e per i civili a seguito della "pandemia da uranio" scatenata dalla Nato.In questo Paese in preda all'isteria belligerante si affaccia...

LETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANI

letteraLETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANICari soldati, care soldatesse Come voi ho prestato servizio nelle forze armate di questo Paese. Sono uno tra gli ultimi a cui arrivò la cartolina. Per me il servizio militare è stato una parentesi. Ho avuto modo di capire che la caserma era una copia...

L’«epidemia» da uranio impoverito

epidemiaL’«epidemia» da uranio impoveritoGuerre. Intervista all’avvocato Angelo Fiore Tartaglia che ha intentato causa alla Nato: «Oltre ai militari italiani colpiti, chiedono giustizia le vittime civili dei Paesi bombardati come Serbia e Afghanistan. Con 260 sentenze vinte per la sua iniziativa,...

Promosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»

manovrePromosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»Benedetto Figliuolo. La brigata corazzata Ariete di Pordenone parteciperà infatti all’ennesima esercitazione nella base “tedesca”, in realtà un poligono militare gestito direttamente dallo Us Army. Ad Honenfels si ammasseranno...

Da nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni

poligoniDa nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni Da sud a nord territori a servizio della belligeranza. Non c’è solo Quirra. In questi giorni tocca alla Carnia, dove l’esercitazione Frozen Arrow 2021 porta la guerra nelle case con muri e finestre che tremano per giorni come ci fosse il...

La gabbia della NATO

NATOLa gabbia della NATOL’Italia è un Paese belligerante da trent’anni (prima guerra del Golfo, 1991): è secondo per effettivi ed assetti militari inviati all’estero nel quadro delle missioni Nato dopo gli Stati Uniti, nono nella “top ten” mondiale per produzione di armi e sistemi d’arma e quinto...

Proposta indecente: armi ’beni essenziali’ esenti da Iva.

armiProposta indecente: armi ’beni essenziali’ esenti da Iva.Difesa europea. «Beni di consumo» molto particolari a quanto pare destinati all’esenzione totale dell’Iva: parliamo di armi e sistemi d’arma prodotti e venduti in Europa. Pane, latte e pasta sono considerati beni primari a tal punto...

Famigliari delle vittime: presidio negato e promesse di risarcimento

vittimeFamigliari delle vittime: presidio negato e promesse di risarcimentoUranio impoverito. «Il nostro obbiettivo è che lo Stato riconosca il nesso di causalità tra le patologie (classiche o rare, dal tumore alle patologie al sistema nervoso) contratte dai militari e dai civili italiani e...

Con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise

Cruise***Con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise Negli anni ’80 con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise a Comiso che veniva incoraggiato da Pertini...

Per una convenzione nazionale pacifista. Un “piano B” per uscire dalla Nato

piano BPer una convenzione nazionale pacifista.Un “piano B” per uscire dalla Nato L’appello di Angelo Baracca​​ apparso​ su​​ il manifesto​ qualche giorno fa per una “convenzione nazionale pacifista” ci sembra centrato e condivisibile. Come Rifondazione Comunista e come pacifisti irriducibili...

Lo sbarco della Nato

natoLo sbarco della NatoDefender Europe 2021. Mega-esercitazione con 28 mila soldati di 26 Paesi: costa mezzo miliardo di dollari. Il generale Walters in Albania cita il «D-Day» lo sbarco in Normandia degli alleati nel 1944 .Ieri ha aperto i battenti la più grande esercitazione militare a guida...

ItaliAfrique

guerraItaliAfrique:chiamata alle armi e agli affari, nel Sahel il signorsì dell’Italia a Macron Lo scorso martedì il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, è andato a Parigi per incontrare la sua omologa Parly e concludere affari e impegni militari. Affari e impegni militari fanno ormai parte...

Resilienza atlantica

armiResilienza atlanticaResilienza atlantica. Il ministro Guerini conferma un budget da 24 miliardi di euro e l'appartenenza del paese all'atlantismo della Nato. Sullo sfondo la presunta minaccia rappresentata da Russia e Cina, ma smentita dai numeri sull'incremento degli arsenali, e le alleanze...

La “maledizione” di Leonardo

industria bellicaLa “maledizione” di LeonardoIndustria bellica. Profumo, con buona probabilità, non vedrà messa in discussione la sua attuale carica dal Cda della principale industria bellica di bandiera, anche perché nel frattempo è stato nominato presidente della potente e prestigiosa...

L’uranio contro i civili

StorieL’uranio contro i civiliStorie. Un avvocato italiano e il suo collega serbo insieme nel difendere le vittime civili e militari dell’uranio impoverito utilizzato alla fine degli anni ’90 dalla Nato nell’ex Jugoslavia La responsabilità istituzionale per le «vittime interne» dell’uranio...

L’uranio uccide ancora

uranioL’uranio uccide ancora Da trent'anni l’uranio impoverito, modificato per rendere più micidiali i proiettili anticarro e i missili Cruise è stato impiegato dalla Nato nei suoi bombardamenti in Iraq, Bosnia, Jugoslavia. Il metallo pesante ha portato la guerra oltre la guerra. L’eredità mortale...

Il nostro vicino atomico

Armi nucleariIl nostro vicino atomicoArmi nucleari. Cominciano oggi in Bretagna i test francesi per il missile intercontinentale M-51. Piano da 100 miliardi per la flotta di sommergibili nucleari. In arrivo anche la seconda portaerei della classe De Gaulle. I pacifisti francesi: «Dopo la pandemia,...

Soldato Sicuro e fatturato garantito

armiSoldato Sicuro e fatturato garantitoSpese militari. In cosa consiste il concetto di digitalizzazione del campo di battaglia espresso dalla Nec? È molto semplice: si tratta di trasformare ogni unità delle forze armate in una pedina digitale interattiva del più realistico war game mai immaginato...

Il momento è adesso

GuerraIl momento è adessoGuerra. La portaerei Cavour è pronta a recarsi negli Stati Uniti a caricare gli F35. Fermiamola Dopo intensi lavori di adeguamento tecnico durati un anno la portaerei Cavour è pronta. Per cosa?   Per imbarcare e impiegare gli F35B a decollo corto acquistati dalla Marina....

Pin It on Pinterest

Privacy Policy