Seleziona una pagina

piano B

Per una convenzione nazionale pacifista.

Un “piano B” per uscire dalla Nato

L’appello di Angelo Baracca​​ apparso​ su​​ il manifesto​ qualche giorno fa per una “convenzione nazionale pacifista” ci sembra centrato e condivisibile. Come Rifondazione Comunista e come pacifisti irriducibili aderiamo con convinzione ritenendo che l’appartenenza del nostro Paese alla Nato sia uno dei problemi in cima alla classifica dei disastri nazionali (e globali).

L’Italia ha già accumulato pesantissime corresponsabilità di guerra verso i popoli di altri Paesi non ostili.

Non intendo riproporre le condivisibili argomentazioni che sono state esposte nell’appello ma ritengo utile aggiungerne altre per rafforzare la necessità politica del salto epocale che comporterebbe l’uscita del nostro Paese dall’alleanza militare più belligerante del mondo.

Abbiamo un serio problema con il complesso militare-industriale occidentale.​

E’ stato detto, giustamente, che gli azionisti dell’industria militare sono stati gli unici ad averci guadagnato dalla guerra mondiale a pezzi scaturita dalle esportazioni “democratiche ed umanitarie” della Nato e delle “coalizioni di volenterosi”.​

Un dato fondamentale che purtroppo viene scarsamente considerato anche dai pacifisti è che l’84% della produzione globale di armi e sistemi d’arma è controllata da multinazionali statunitensi, europee e da alleati strategici come Israele, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti.​

La guerra è un processo produttivo e chi tira la carretta della corsa agli armamenti globali (compresa, secondo il Sipri, l’internazionalizzazione della filiera bellica) è il blocco euro-atlantico con gli Stati Uniti come capofila inossidabile.

Il cieco e imbarazzante atlantismo del nostro Paese è retto ed eterodiretto da una relazione tra l’industria bellica nazionale (Leonardo, Fincantieri ma non solo) e quella anglo-statunitense: parliamo di un sistema di controllate e joint venture che produce la quota più consistente del fatturato bellico tricolore all’estero e determina l’asse strategico del Paese…

Tutto ciò aggravato da un ventennio in cui il management governativo ha svuotato Finmeccanica (poi Leonardo) dei suoi asset civili per puntare tutto sull’hi-tech militare, ahi noi con l’avvallo sconsiderato dei sindacati confederali.​

In un turbinio di porte girevoli tra politici, generali, ammiragli, servizi segreti e cariche aziendali il fatturato di Leonardo “one company” è diventato ufficialmente il pilastro della politica estera, militare ed industriale nazionale. Le forze armate, il “cliente domestico”, sono dichiaratamente diventate il vuotatoio ad alta tecnologia dell’industria che così si vede garantite dallo stato ricerca, sviluppo e commesse.​

Le stesse forze armate spedite in giro per il mondo sono considerate da Alessandro Profumo, ad Leonardo, la migliore vetrina del “prodotto” per i clienti stranieri.

Infine con la norma “Government to Government” voluta dal ministro Guerini (PD) ai tempi del Conte bis, il ministero della Difesa è stato trasformato in agente di commercio internazionale dell’industria bellica nazionale.​

Sarebbe tempo di fare i conti, in forte ritardo, con la contro riforma che ha permesso tecnicamente e giuridicamente al nostro Paese di stare nella Nato e in tutte le sue guerre post ‘89. La professionalizzazione delle forze armate avviata col Nuovo Modello di Difesa all’indomani della prima guerra del golfo nel 1991 rispose ad una precisa richiesta degli Stati uniti agli alleati dopo l’implosione sovietica: non più fanteria d’arresto ma corpi di spedizione da proiettare ovunque. Lo standard organizzativo adottato fu quello anglo-statunitense. Un esercito divoratore di alta tecnologia con una truppa volontaria, di mestiere, socialmente ricattabile e con una ferma di almeno quattro anni è un requisito fondamentale per gestire guerre d’aggressione ed occupazioni militari in più Paesi contemporaneamente e per garantire dividendi sostanziosi all’industria di riferimento.​

Un modello tecnico-organizzativo indispensabile per qualsiasi politica estera interventista e neocolonialista.

La moderna carne da cannone è molto più gestibile: passa dallo status di eroe (volontario, era il suo mestiere…) se cade sul campo di guerre inutili a quello di fantasma se si ammala e muore a causa dell’esposizione all’uranio impoverito.

La Nato è tutto questo: standard tecnologici e organizzativi, grandi esercitazioni continentali e nemici inventati da combattere. Le basi Nato/statunitensi sul nostro territorio e le bombe nucleari in esse custodite sono l’ipoteca più grande sul nostro futuro, per avere in cambio un presente/passato di guerra permanente ed instabilità.​

La Sinistra europea, di cui Rifondazione è membro, si è recentemente dichiarata fermamente contraria al riarmo europeo in atto e per lo scioglimento della Nato.​

Trent’anni di professionalità bellica possono bastare: è tempo di mettere in discussione l’attuale modello di “difesa” strutturalmente offensivo per ripensarlo da cima a fondo ed utilizzarlo (industria di riferimento compresa) a “casa nostra”, a supporto di Protezione civile e Vigili del fuoco, nelle emergenze che scaturiscono dal caos climatico montante. Ci serve urgentemente un credibile e concreto “Piano B” per uscire dalla Nato.​

Gregorio Piccin,
responsabile dipartimento Pace Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Il business (informatico) dello sterminio

MemoriaIl business (informatico) dello sterminioMEMORIA DEL PRESENTE. Per schedare i deportati nei campi di concentramento la Germania nazista si era dotata della migliore tecnologia informatica allora esistente, quella della statunitense Ibm. Una storia che  ci parla del nostro presente: la...

Le Nostre Armi

ARMI NATOLE NOSTRE ARMIPAESI NATO E ALLEATI CONTROLLANO IL 78% DELLA PRODUZIONE DI ARMI GLOBALE. Secondo lo Stockholm international peace research institute (Sipri) nel 2021 il commercio di armi, sistemi d’arma e servizi militari valeva 592 miliardi di dollari. Una cifra esorbitante che con la...

Verità e giustizia per le vittime di uranio impoverito

Verità​Verità e giustizia per le vittime di uranio impoveritoIl Partito della Sinistra europea porterà all'attenzione del Parlamento Ue la questione delle morti di militari e civili causate dagli armamenti contenenti il metallo pesante e usati nei teatri di guerra e nei poligoni di tiro dalla...

Per un’agenda di pace e giustizia sociale, dopo il 5 novembre.

agenda pacePer un’agenda di pace e giustizia sociale, dopo il 5 novembreLa guerra in Ucraina è la fiera degli errori e degli orrori ed è pagata, come tutte le guerre, dalle persone comuni in termini di vite umane e sofferenze per la crisi sociale che l’accompagna. Iniziata nel 2014 come guerra...

Anche per il nuovo governo il 4 novembre è la “Giornata della cobelligeranza”

4novembreAnche per il nuovo governo il 4 novembre è la “Giornata della cobelligeranza”Il ministro della Difesa Crosetto dovrebbe chiarire se l’arrivo anticipato di nuove armi atomiche nelle basi Usa in Italia è stato concordato oppure subìto. E se vorrà interessarsi del destino degli ex soldati...

Guido Crosetto il conflitto perfetto

ministro difesaGuido Crosetto il conflitto perfettoGuido Crosetto sarà il ministro perfetto. Bene ha fatto Giorgia Meloni a piazzarlo al dicastero della difesa. Cosa peraltro che ci aspettavamo. Bene per gli azionisti dell’industria militare e per la belligeranza euro-atlantica del nostro Paese....

Servono azioni concrete per il cessate il fuoco, la distensione, il disarmo

STOP WARServono azioni concrete per il cessate il fuoco, la distensione, il disarmo:l'Italia faccia la sua parte! Il 21-22-23 ottobre in tutta Italia ed il 5 novembre a Roma ci saranno manifestazioni e presidi per chiedere il cessate il fuoco, la trattativa e una conferenza internazionale di pace....

Grazie per la fiducia riposta nel progetto di Unione Popolare

UNIONE POPOLAREGrazie per la fiducia riposta nel progetto di Unione PopolareCandidato al Senato Collegio Plurinominale FVG #ElezioniPolitiche2022 Voglio ringraziare tutte le persone che non hanno ceduto alle sirene stonate del voto utile o di altri, a me pare, strampalati ragionamenti.   Grazie...

Vi spiego in un minuto perché mi sono candidato con Unione Popolare

UNIONE POPOLAREVi spiego in un minuto perché mi sono candidato con Unione PopolareCandidato al Senato Collegio Plurinominale FVG #ElezioniPolitiche2022 Gregorio Piccin

Unione Popolare al fianco delle vittime civili e militari dell’uranio impoverito.

UNIONE POPOLAREUnione Popolare al fianco delle vittime civili e militari dell'uranio impoverito.Basta soldati in missioni di guerra. L’uso massiccio di armi all’uranio impoverito da parte della NATO ha causato un disastro ambientale ed una vera e propria epidemia che ancora oggi continua a mietere...

Il 17 settembre con Unione Popolare a Ghedi e Aviano

#TPAN17 settembre Unione Popolare a Ghedi e AvianoSabato 17 settembre #UnionePopolare a #Ghedi e #Aviano per esigere la firma del trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari #TPAN. FUORI LE ATOMICHE DALL'ITALIA! FUORI L'ITALIA DALLA GUERRA FREDDA! Gregorio Piccin

Cile, Italia, migranti… Una intervista a Enrico Calamai lo “Schindler di Buenos Aires”

intervistaCile, Italia, migranti... Una intervista ad Enrico Calamai lo "Schindler di Buenos Aires"All’indomani della bocciatura della nuova Costituzione cilena, abbiamo alcune domande rivolto a Calamai, ex diplomatico in America latina ai tempi delle dittature clerico-fasciste e oggi candidato al...

Una Difesa che non ci difende dalle vere emergenze

sicurezzaUna Difesa che non ci difende dalle vere emergenzeMentre resta al palo la messa in sicurezza del nostro territorio, prosegue senza sosta la corsa dell’Italia agli armamenti per rispondere alle esigenze della Nato Incendi, terremoti, alluvioni, bufere, inquinamento delle falde…Ce n’è per...

L’epidemia da uranio impoverito continua ad uccidere

uranioL'epidemia da uranio impoverito continua ad uccidereMa in Serbia la Nato pretende l’immunità. La quantità di uranio impoverito rilevata recentemente nei tessuti di due cittadini serbi morti a causa di gravi patologie tumorali, è risultata essere più di cinquecento volte superiore rispetto...

Il Paese è in fiamme. Le élite suonano l’arpa…

incendiIl Paese è in fiamme. Le élite suonano l'arpa...Era il 2012, 10 anni fa, quando la mia Valtramontina bruciò per 9 giorni di seguito. Ripubblico quindi i ragionamenti emersi da quell'evento che mi vide in prima fila (come volontario di protezione civile e come assessore all'ambiente) nel...

Molti nemici, molto onore

NONATOMolti nemici, molto onoreLa Nato alla conquista del mondo. Il nuovo “concetto strategico” della Nato approvato dal vertice di Madrid della scorsa settimana è il punto d’arrivo di una traiettoria tesa come un proiettile che comincia col vertice di Roma del 1991. Allora, subito dopo la prima...

Rottamiamo la NATO

nonatoRottamiamo la NATOLa NATO è una grave minaccia alla pace mondiale, è tra i più grandi inquinatori globali, è il motore della corsa agli armamenti… No alla NATO! Con queste parole inizia la dichiarazione della piattaforma PEACE SUMMIT MADRID 2022 organizzata, tra gli altri, dall’Assemblea...

Uranio impoverito e torio, la guerra in Ucraina è cancerogena

uranioUranio impoverito e torio, la guerra in Ucraina è cancerogenaOggi in Ucraina, con le armi russe e quelle fornite dalla Nato a Kiev. Ieri in Serbia, Kosovo Iraq, Bosnia, Afghanistan, Siria, Libia. L’uso di proiettili radioattivi irrompe nel conflitto scatenato da Putin. Uranio e torio, la...

Un Esercito europeo per la guerra mondiale? Appunti per un dibattito urgente.

La guerra in corso in Ucraina sembra segnare uno spartiacque. Non sarà questa guerra in sé ad aprire una nuova fase negli assetti globali ma di certo rappresenta il punto di arrivo di una traiettoria. Per il governo russo l’invasione è stata sia una chiara e rischiosa affermazione di potenza,...

Reduci contro la guerra

reduciReduci contro la guerraGli ex militari italiani vittime dell'uranio impoverito sono contro l'invio di armi e soldati e chiedono verità e giustizia per loro e per i civili a seguito della "pandemia da uranio" scatenata dalla Nato.In questo Paese in preda all'isteria belligerante si affaccia...

Pin It on Pinterest

Privacy Policy