Seleziona una pagina

uranio

L’uranio uccide ancora

Da trent’anni l’uranio impoverito, modificato per rendere più micidiali i proiettili anticarro e i missili Cruise è stato impiegato dalla Nato nei suoi bombardamenti in Iraq, Bosnia, Jugoslavia. Il metallo pesante ha portato la guerra oltre la guerra. L’eredità mortale del suo impiego ha attraversato i fronti e la formale cessazione delle ostilità, ha colpito per decenni e (continua a colpire) indistintamente i civili – i «nemici» bombardati dei quali nessuno parla – e , vero «fuoco amico», gli stessi militari Nato in missione. In Italia, su queste responsabilità gravissime, i vertici militari e i ministri della Difesa che si sono succeduti hanno eretto un muro di gomma. Ma ora sono gli ufficiali dell’Esercito a denunciare la presenza di uranio impoverito nelle zone in cui i nostri soldati erano in missione di «pace».
Prima il generale in carica Roberto Vannacci, ex comandante della missione in Iraq, con un rapporto ha fatto aprire due indagini, alla Procura della Repubblica di Roma e alla Procura militare; poi l’ accusa è arrivata dal tenente colonnello Fabio Filomeni, operativo in tanti teatri di guerra (Iraq, Bosnia, Kosovo) e per 12 anni responsabile dei servizi prevenzione e protezione nelle missioni internazionali. Vannacci ha accusato «gravi e ripetute omissioni nella tutela della salute e della sicurezza del contingente militare italiano», denunciando che l’allora comandante del Comando operativo di vertice interforze e attuale capo di stato maggiore della Marina Militare, Giuseppe Cavo Dragone, avrebbe assicurato che in quelle aree ogni militare non veniva lasciato più di quattro mesi, mentre la permanenza effettiva sarebbe stata di 6-9 mesi.
Vincenzo Riccio, presidente dell’Associazione Nazionale Vittime dell’Uranio Impoverito (Anvui), è da anni impegnato in una difficile battaglia per la verità e la giustizia. Già primo maresciallo dell’Aeronautica Militare è stato posto in congedo nel 2011 per un carcinoma neuroendocrino contratto a causa dell’esposizione ad uranio impoverito nelle due missioni svolte in Iraq a Tallil (Nassiria) nel 2004 e nel 2006.

Come si è comportata l’Amministrazione all’atto del congedo?

Non mi è stata riconosciuta né la dipendenza da causa di servizio, né lo status di vittima del dovere come per la quasi totalità delle più di 7.500 vittime colpire da uranio impoverito. Sono stato praticamente buttato fuori senza troppi complimenti e successivamente abbandonato a me stesso. Il solo nominare la parola uranio nelle commissioni mediche militari provocava imbarazzo e tante volte mi sono sentito ripetere di lasciar perdere questa battaglia, perché mai si sarebbe riuscito a dimostrare il nesso tra le malattie che hanno colpito e colpiscono ancora i militari in questi ultimi 20 anni e l’esposizione all’uranio impoverito.

Per Domenico Leggiero, presidente dell’Osservatorio Militare sono 372 i soldati italiani deceduti a causa dell’uranio impoverito. Per nessuno di questi c’è stato un riconoscimento?

Il nostro consulente legale avv. Angelo Fiore Tartaglia è riuscito in questi anni ad ottenere 170 sentenze che condannano il Ministero della Difesa a risarcire, che provano indiscutibilmente il nesso tra esposizione e malattie, eppure nonostante questo il Ministero continua a negare e a presentare appelli che vengono regolarmente persi causando un ulteriore spreco di danaro ai danni della collettività.

Poi c’è stata anche la relazione finale della IV Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito che era presieduta da Gian Piero Scanu…

Si. L’on. Scanu, che oggi è presidente onorario della nostra associazione, ha svolto con encomiabile dedizione e serietà il suo compito, arrivando a scrivere nella sua relazione finale che le «sconvolgenti criticità» scoperte nel settore della sicurezza e della salute sul lavoro dei militari «in Italia e nelle missioni all’estero hanno contribuito a seminare morti e malattie». Ha inoltre elaborato una proposta di legge che avrebbe potuto rappresentare, se approvata, la prima concreta risposta dello stato alle vittime ed ai famigliari. Ma mentre la proposta di legge giace ancora in qualche cassetto di qualche commissione lui non fu inserito nelle liste del suo partito per le successive elezioni politiche.

In qualche modo l’uranio impoverito ha colpito anche lui. E il muro di gomma sta sempre lì…

È gravissimo che, in un paese che si dice democratico, un ministero cosi importante e delicato come quello della Difesa possa agire indisturbato senza indirizzo politico, infischiandosene di centinaia di sentenze di condanna, ignorando i risultati di una Commissione d’inchiesta Parlamentare, non dando spiegazioni riguardo le gravissime mancanze in tema di sicurezza sul posto di lavoro denunciate recentemente dal generale Vannacci e dal colonnello Filomeni. Ed è inquietante che l’attuale Ministro della Difesa non dica una parola riguardo le rivelazioni e le accuse gravissime mosse dai due alti ufficiali ai vertici delle FF.AA. negli esposti depositati presso la Procura della Repubblica di Roma e la procura Militare. Forse nel muro di omertà che per 20 anni ha impedito di fare luce sulla vicenda si stanno aprendo delle crepe importanti.
Articolo originale di Gregorio Piccin sul Manifesto del 14 Luglio 2020

Un Esercito europeo per la guerra mondiale? Appunti per un dibattito urgente.

La guerra in corso in Ucraina sembra segnare uno spartiacque. Non sarà questa guerra in sé ad aprire una nuova fase negli assetti globali ma di certo rappresenta il punto di arrivo di una traiettoria. Per il governo russo l’invasione è stata sia una chiara e rischiosa affermazione di potenza,...

Reduci contro la guerra

reduciReduci contro la guerraGli ex militari italiani vittime dell'uranio impoverito sono contro l'invio di armi e soldati e chiedono verità e giustizia per loro e per i civili a seguito della "pandemia da uranio" scatenata dalla Nato.In questo Paese in preda all'isteria belligerante si affaccia...

LETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANI

letteraLETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANICari soldati, care soldatesse Come voi ho prestato servizio nelle forze armate di questo Paese. Sono uno tra gli ultimi a cui arrivò la cartolina. Per me il servizio militare è stato una parentesi. Ho avuto modo di capire che la caserma era una copia...

L’«epidemia» da uranio impoverito

epidemiaL’«epidemia» da uranio impoveritoGuerre. Intervista all’avvocato Angelo Fiore Tartaglia che ha intentato causa alla Nato: «Oltre ai militari italiani colpiti, chiedono giustizia le vittime civili dei Paesi bombardati come Serbia e Afghanistan. Con 260 sentenze vinte per la sua iniziativa,...

Promosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»

manovrePromosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»Benedetto Figliuolo. La brigata corazzata Ariete di Pordenone parteciperà infatti all’ennesima esercitazione nella base “tedesca”, in realtà un poligono militare gestito direttamente dallo Us Army. Ad Honenfels si ammasseranno...

Da nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni

poligoniDa nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni Da sud a nord territori a servizio della belligeranza. Non c’è solo Quirra. In questi giorni tocca alla Carnia, dove l’esercitazione Frozen Arrow 2021 porta la guerra nelle case con muri e finestre che tremano per giorni come ci fosse il...

La gabbia della NATO

NATOLa gabbia della NATOL’Italia è un Paese belligerante da trent’anni (prima guerra del Golfo, 1991): è secondo per effettivi ed assetti militari inviati all’estero nel quadro delle missioni Nato dopo gli Stati Uniti, nono nella “top ten” mondiale per produzione di armi e sistemi d’arma e quinto...

Proposta indecente: armi ’beni essenziali’ esenti da Iva.

armiProposta indecente: armi ’beni essenziali’ esenti da Iva.Difesa europea. «Beni di consumo» molto particolari a quanto pare destinati all’esenzione totale dell’Iva: parliamo di armi e sistemi d’arma prodotti e venduti in Europa. Pane, latte e pasta sono considerati beni primari a tal punto...

Famigliari delle vittime: presidio negato e promesse di risarcimento

vittimeFamigliari delle vittime: presidio negato e promesse di risarcimentoUranio impoverito. «Il nostro obbiettivo è che lo Stato riconosca il nesso di causalità tra le patologie (classiche o rare, dal tumore alle patologie al sistema nervoso) contratte dai militari e dai civili italiani e...

Con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise

Cruise***Con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise Negli anni ’80 con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise a Comiso che veniva incoraggiato da Pertini...

Per una convenzione nazionale pacifista. Un “piano B” per uscire dalla Nato

piano BPer una convenzione nazionale pacifista.Un “piano B” per uscire dalla Nato L’appello di Angelo Baracca​​ apparso​ su​​ il manifesto​ qualche giorno fa per una “convenzione nazionale pacifista” ci sembra centrato e condivisibile. Come Rifondazione Comunista e come pacifisti irriducibili...

Lo sbarco della Nato

natoLo sbarco della NatoDefender Europe 2021. Mega-esercitazione con 28 mila soldati di 26 Paesi: costa mezzo miliardo di dollari. Il generale Walters in Albania cita il «D-Day» lo sbarco in Normandia degli alleati nel 1944 .Ieri ha aperto i battenti la più grande esercitazione militare a guida...

ItaliAfrique

guerraItaliAfrique:chiamata alle armi e agli affari, nel Sahel il signorsì dell’Italia a Macron Lo scorso martedì il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, è andato a Parigi per incontrare la sua omologa Parly e concludere affari e impegni militari. Affari e impegni militari fanno ormai parte...

Resilienza atlantica

armiResilienza atlanticaResilienza atlantica. Il ministro Guerini conferma un budget da 24 miliardi di euro e l'appartenenza del paese all'atlantismo della Nato. Sullo sfondo la presunta minaccia rappresentata da Russia e Cina, ma smentita dai numeri sull'incremento degli arsenali, e le alleanze...

La “maledizione” di Leonardo

industria bellicaLa “maledizione” di LeonardoIndustria bellica. Profumo, con buona probabilità, non vedrà messa in discussione la sua attuale carica dal Cda della principale industria bellica di bandiera, anche perché nel frattempo è stato nominato presidente della potente e prestigiosa...

L’uranio contro i civili

StorieL’uranio contro i civiliStorie. Un avvocato italiano e il suo collega serbo insieme nel difendere le vittime civili e militari dell’uranio impoverito utilizzato alla fine degli anni ’90 dalla Nato nell’ex Jugoslavia La responsabilità istituzionale per le «vittime interne» dell’uranio...

L’uranio uccide ancora

uranioL’uranio uccide ancora Da trent'anni l’uranio impoverito, modificato per rendere più micidiali i proiettili anticarro e i missili Cruise è stato impiegato dalla Nato nei suoi bombardamenti in Iraq, Bosnia, Jugoslavia. Il metallo pesante ha portato la guerra oltre la guerra. L’eredità mortale...

Il nostro vicino atomico

Armi nucleariIl nostro vicino atomicoArmi nucleari. Cominciano oggi in Bretagna i test francesi per il missile intercontinentale M-51. Piano da 100 miliardi per la flotta di sommergibili nucleari. In arrivo anche la seconda portaerei della classe De Gaulle. I pacifisti francesi: «Dopo la pandemia,...

Soldato Sicuro e fatturato garantito

armiSoldato Sicuro e fatturato garantitoSpese militari. In cosa consiste il concetto di digitalizzazione del campo di battaglia espresso dalla Nec? È molto semplice: si tratta di trasformare ogni unità delle forze armate in una pedina digitale interattiva del più realistico war game mai immaginato...

Il momento è adesso

GuerraIl momento è adessoGuerra. La portaerei Cavour è pronta a recarsi negli Stati Uniti a caricare gli F35. Fermiamola Dopo intensi lavori di adeguamento tecnico durati un anno la portaerei Cavour è pronta. Per cosa?   Per imbarcare e impiegare gli F35B a decollo corto acquistati dalla Marina....

Pin It on Pinterest

Privacy Policy