Seleziona una pagina

epidemia

L’«epidemia» da uranio impoverito

Guerre. Intervista all’avvocato Angelo Fiore Tartaglia che ha intentato causa alla Nato: «Oltre ai militari italiani colpiti, chiedono giustizia le vittime civili dei Paesi bombardati come Serbia e Afghanistan. Con 260 sentenze vinte per la sua iniziativa, la Difesa ha fatto dietrofront e la correlazione tra gravi forme tumorali ed esposizione all’uranio impoverito è giurisprudenza»

Per il Ministero della difesa sembrano esserci morti e feriti di serie A e serie B. Sono considerati eroi quei soldati che muoiono o rimangono feriti sul campo delle disastrose guerre Nato in cui l’Italia sgomita per essere sempre in prima fila, mentre sono considerati fantasmi quei soldati che si ammalano gravemente o muoiono per l’esposizione all’uranio impoverito una volta tornati a casa dalle stesse missioni.

Per la verità ci sono anche le vittime di serie “Z”, i civili, i «danni collaterali», gli abitanti di quei Paesi su cui la Nato ha di volta in volta posato il suo «mirino umanitario».

In Italia, grazie alle oltre 260 sentenze vinte dall’avvocato Angelo Fiore Tartaglia, non solo il Ministero della difesa ha dovuto fare i conti coi propri «fantasmi», ma la correlazione tra gravi forme tumorali ed esposizione all’uranio impoverito è diventata giurisprudenza.

Mentre la Nato, lunga mano della politica estera statunitense, preme l’acceleratore sulla crisi in Ucraina, la «pandemia» da uranio impoverito scatenata dai bombardamenti dell’Alleanza in Serbia, Kosovo, Bosnia, Iraq e Afghanistan continua a mietere vittime. Proprio in Serbia la giurisprudenza italiana sulla questione uranio impoverito è stata messa a disposizione di un pool di avvocati guidati da Srdjan Aleksic che da un anno a questa parte hanno avviato una serie di cause per portare la Nato sul banco degli imputati.

Avvocato Tartaglia, a che punto sono arrivate le cause contro la Nato in Serbia?

La prima causa è stata avviata a gennaio dello scorso anno. L’Alta Corte di Belgrado ha assegnato un termine di sei mesi alla Nato per costituirsi in giudizio. Nel diritto serbo la notifica della citazione può essere fatta solo dal tribunale e il ministero della giustizia serbo non ha ottemperato ancora all’ordine della Corte di notificare la citazione alla Nato. Noi ci siamo resi parte diligente e abbiamo comunicato alla Nato la citazione è abbiamo chiesto alla Corte di comunicare l’invito a costituirsi in giudizio alla Nato tramite mail certificata. Stiamo ora attendendo la risposta della Corte. Questo mese di gennaio abbiamo depositato altre due cause. I costi delle tasse sono molto alti in Serbia quando si agisce con azioni risarcitorie e i danneggiati non hanno i soldi per farlo.

Si profila quindi una nuova strategia legale?

Abbiamo deciso di avviare altre cause chiedendo al momento solo l’accertamento di responsabilità. Perché in tale modo le tasse sono esigue e chiunque può agire in giudizio. Una volta accertata la responsabilità e il nesso di causalità potremo poi fare domande risarcitorie collettive e così ridurre notevolmente il costo delle cause dovuto alle tasse. Stiamo lavorando intensamente e credo che riusciremo a dare tutela ai danneggiati. Non vi sono solo questioni legate all’uranio impoverito ma anche questioni relative a bombardamenti indiscriminati con vari tipi di ordigni micidiali fra cui le bombe a grappolo.

Come pensate che i cittadini serbi possano avere giustizia di fronte ad un colosso come la Nato ed alle sue responsabilità di guerra?

L’Alleanza atlantica ha personalità giuridica e vi sono tutti i presupposti per ottenere il risarcimento dei danni ì favore dei danneggiati. Le azioni intraprese in Serbia riguardano sia la responsabilità della Nato per crimini di guerra sia del governo serbo per non aver informato la popolazione dei rischi di trovarsi in ambienti altamente contaminati, sia per non avere adottato alcuna misura di sicurezza. Inoltre va considerato che in Serbia è prevista una responsabilità oggettiva per aver costretto la popolazione e i militari a dover subire la guerra. Io e il mio collega Aleksic intenteremo tutte le azioni per ottenere l’accertamento prima della responsabilità poi il ristoro di tutti i danni nonché finalmente le bonifiche ambientali, spingendo la questione fino ad interessare le autorità giuridiche e politiche europee.

A proposito di Europa, vi sono casi simili a quelli italiani per i soldati di altri Paesi Nato rientrati dalle missioni all’estero?

Sì. In tutti i paesi europei che hanno partecipato alle missioni ma la questione è tenuta molto sotto tono dai mezzi di informazione e i governi negano qualsiasi nesso di causalità. Nel 2019 è apparsa la notizia ad esempio in Germania dove 220 militari tedeschi che si sono ammalati di tumore al rientro dalle missioni hanno chiesto i danni ma il governo ha negato ogni nesso di causalità con l’uranio impoverito. Stiamo cercando contatti e canali per mettere a disposizione la giurisprudenza che abbiamo costruito in Italia anche in altri Paesi europei. Esiste una vera e propria internazionale delle vittime Nato civili-militari che esige verità e giustizia.

 
Gregorio Piccin
pubblicato su Il Manifesto
del 29.01.2022

Un Esercito europeo per la guerra mondiale? Appunti per un dibattito urgente.

La guerra in corso in Ucraina sembra segnare uno spartiacque. Non sarà questa guerra in sé ad aprire una nuova fase negli assetti globali ma di certo rappresenta il punto di arrivo di una traiettoria. Per il governo russo l’invasione è stata sia una chiara e rischiosa affermazione di potenza,...

Reduci contro la guerra

reduciReduci contro la guerraGli ex militari italiani vittime dell'uranio impoverito sono contro l'invio di armi e soldati e chiedono verità e giustizia per loro e per i civili a seguito della "pandemia da uranio" scatenata dalla Nato.In questo Paese in preda all'isteria belligerante si affaccia...

LETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANI

letteraLETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANICari soldati, care soldatesse Come voi ho prestato servizio nelle forze armate di questo Paese. Sono uno tra gli ultimi a cui arrivò la cartolina. Per me il servizio militare è stato una parentesi. Ho avuto modo di capire che la caserma era una copia...

L’«epidemia» da uranio impoverito

epidemiaL’«epidemia» da uranio impoveritoGuerre. Intervista all’avvocato Angelo Fiore Tartaglia che ha intentato causa alla Nato: «Oltre ai militari italiani colpiti, chiedono giustizia le vittime civili dei Paesi bombardati come Serbia e Afghanistan. Con 260 sentenze vinte per la sua iniziativa,...

Promosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»

manovrePromosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»Benedetto Figliuolo. La brigata corazzata Ariete di Pordenone parteciperà infatti all’ennesima esercitazione nella base “tedesca”, in realtà un poligono militare gestito direttamente dallo Us Army. Ad Honenfels si ammasseranno...

Da nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni

poligoniDa nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni Da sud a nord territori a servizio della belligeranza. Non c’è solo Quirra. In questi giorni tocca alla Carnia, dove l’esercitazione Frozen Arrow 2021 porta la guerra nelle case con muri e finestre che tremano per giorni come ci fosse il...

La gabbia della NATO

NATOLa gabbia della NATOL’Italia è un Paese belligerante da trent’anni (prima guerra del Golfo, 1991): è secondo per effettivi ed assetti militari inviati all’estero nel quadro delle missioni Nato dopo gli Stati Uniti, nono nella “top ten” mondiale per produzione di armi e sistemi d’arma e quinto...

Proposta indecente: armi ’beni essenziali’ esenti da Iva.

armiProposta indecente: armi ’beni essenziali’ esenti da Iva.Difesa europea. «Beni di consumo» molto particolari a quanto pare destinati all’esenzione totale dell’Iva: parliamo di armi e sistemi d’arma prodotti e venduti in Europa. Pane, latte e pasta sono considerati beni primari a tal punto...

Famigliari delle vittime: presidio negato e promesse di risarcimento

vittimeFamigliari delle vittime: presidio negato e promesse di risarcimentoUranio impoverito. «Il nostro obbiettivo è che lo Stato riconosca il nesso di causalità tra le patologie (classiche o rare, dal tumore alle patologie al sistema nervoso) contratte dai militari e dai civili italiani e...

Con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise

Cruise***Con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise Negli anni ’80 con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise a Comiso che veniva incoraggiato da Pertini...

Per una convenzione nazionale pacifista. Un “piano B” per uscire dalla Nato

piano BPer una convenzione nazionale pacifista.Un “piano B” per uscire dalla Nato L’appello di Angelo Baracca​​ apparso​ su​​ il manifesto​ qualche giorno fa per una “convenzione nazionale pacifista” ci sembra centrato e condivisibile. Come Rifondazione Comunista e come pacifisti irriducibili...

Lo sbarco della Nato

natoLo sbarco della NatoDefender Europe 2021. Mega-esercitazione con 28 mila soldati di 26 Paesi: costa mezzo miliardo di dollari. Il generale Walters in Albania cita il «D-Day» lo sbarco in Normandia degli alleati nel 1944 .Ieri ha aperto i battenti la più grande esercitazione militare a guida...

ItaliAfrique

guerraItaliAfrique:chiamata alle armi e agli affari, nel Sahel il signorsì dell’Italia a Macron Lo scorso martedì il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, è andato a Parigi per incontrare la sua omologa Parly e concludere affari e impegni militari. Affari e impegni militari fanno ormai parte...

Resilienza atlantica

armiResilienza atlanticaResilienza atlantica. Il ministro Guerini conferma un budget da 24 miliardi di euro e l'appartenenza del paese all'atlantismo della Nato. Sullo sfondo la presunta minaccia rappresentata da Russia e Cina, ma smentita dai numeri sull'incremento degli arsenali, e le alleanze...

La “maledizione” di Leonardo

industria bellicaLa “maledizione” di LeonardoIndustria bellica. Profumo, con buona probabilità, non vedrà messa in discussione la sua attuale carica dal Cda della principale industria bellica di bandiera, anche perché nel frattempo è stato nominato presidente della potente e prestigiosa...

L’uranio contro i civili

StorieL’uranio contro i civiliStorie. Un avvocato italiano e il suo collega serbo insieme nel difendere le vittime civili e militari dell’uranio impoverito utilizzato alla fine degli anni ’90 dalla Nato nell’ex Jugoslavia La responsabilità istituzionale per le «vittime interne» dell’uranio...

L’uranio uccide ancora

uranioL’uranio uccide ancora Da trent'anni l’uranio impoverito, modificato per rendere più micidiali i proiettili anticarro e i missili Cruise è stato impiegato dalla Nato nei suoi bombardamenti in Iraq, Bosnia, Jugoslavia. Il metallo pesante ha portato la guerra oltre la guerra. L’eredità mortale...

Il nostro vicino atomico

Armi nucleariIl nostro vicino atomicoArmi nucleari. Cominciano oggi in Bretagna i test francesi per il missile intercontinentale M-51. Piano da 100 miliardi per la flotta di sommergibili nucleari. In arrivo anche la seconda portaerei della classe De Gaulle. I pacifisti francesi: «Dopo la pandemia,...

Soldato Sicuro e fatturato garantito

armiSoldato Sicuro e fatturato garantitoSpese militari. In cosa consiste il concetto di digitalizzazione del campo di battaglia espresso dalla Nec? È molto semplice: si tratta di trasformare ogni unità delle forze armate in una pedina digitale interattiva del più realistico war game mai immaginato...

Il momento è adesso

GuerraIl momento è adessoGuerra. La portaerei Cavour è pronta a recarsi negli Stati Uniti a caricare gli F35. Fermiamola Dopo intensi lavori di adeguamento tecnico durati un anno la portaerei Cavour è pronta. Per cosa?   Per imbarcare e impiegare gli F35B a decollo corto acquistati dalla Marina....

Pin It on Pinterest

Privacy Policy