Seleziona una pagina

uranio

L’epidemia da uranio impoverito continua ad uccidere

Ma in Serbia la Nato pretende l’immunità.

La quantità di uranio impoverito rilevata recentemente nei tessuti di due cittadini serbi morti a causa di gravi patologie tumorali, è risultata essere più di cinquecento volte superiore rispetto alla media. Si tratta della stessa abnorme quantità rilevata in moltissimi ex-militari italiani che hanno prestato servizio nelle missioni in Bosnia, Kosovo, Iraq e Afghanistan e nei poligoni Nato: di questi almeno quattrocento sono morti e oltre 8000 si sono gravemente ammalati.
A rivelarlo in esclusiva per Manifesto è la dottoressa Rita Celli che da quindici anni supporta con le sue perizie tecniche le arringhe dell’avvocato Angelo Fiore Tartaglia, consulente legale dell’Associazione Nazionale Vittime dell’Uranio Impoverito. In vent’anni di cause risarcitorie intentate contro il Ministero della difesa italiano ed oltre trecento sentenze favorevoli messe a segno, Tartaglia e la Celli hanno di fatto trasformato in giurisprudenza la correlazione causale tra esposizione all’uranio impoverito ed insorgenza di gravi patologie tumorali. Un caso unico in Europa e nel mondo.
I risultati delle recenti perizie della dottoressa Celli, eseguite presso i laboratori del dipartimento di biotecnologie molecolari dell’Università di Torino, rappresentano un passaggio fondamentale per le cause intentate contro la Nato in Serbia e sono la conferma scientifica della stretta correlazione tra civili e militari serbi ed italiani colpiti dall’”epidemia da uranio impoverito” scatenata dalla Nato anche nei Balcani a seguito di quasi un decennio di “bombardamenti umanitari”. Solo in Serbia le vittime sono decine di migliaia catapultando questo Paese al primo posto in Europa per numero di malattie oncologiche.

-Dottoressa, come le sono arrivate “in mano” le richieste di accertamento sulla presenza di metalli pesanti nei tessuti dei due cittadini serbi?

Nel giugno di quest’anno mi sono recata personalmente in Serbia, accompagnando l’avvocato Tartaglia. La curiosità scientifica era molto intensa. Ho potuto verificare di persona lo stato dei luoghi e raccogliere direttamente le testimonianze della popolazione. In funzione delle attuali necessità giuridiche dell’avvocato Tartaglia, ho acquisito il materiale biologico da sottoporre a indagine di laboratorio direttamente dalle vedove dei due cittadini serbi: un ufficiale della milizia serba e un civile. Entrambe mi hanno fornito anche gli indispensabili dati tecnici.

-Con le sue perizie ci troviamo di fronte alla conferma, anche in Serbia, che l’uranio impoverito usato dalla Nato è la causa diretta di una strage silenziosa ancora in corso. Quali saranno i prossimi passi?

Nei prossimi mesi l’intenzione è quella di incrementare i dati preliminari emersi oggi attraverso ulteriori analisi da effettuarsi su matrici biologiche di militari e civili serbi.
I risultati, che mi sento di predire saranno purtroppo di conferma, permetteranno di dimostrare la correlazione tra l’impiego di armamenti DU-core, ovvero contenenti uranio impoverito nei penetratori, e lo sviluppo di un numero abnorme di patologie neoplastiche nella popolazione serba, sia civile, sia militare.

-Nel frattempo la Nato, in una memoria recapitata all’Alta corte di Belgrado ha dichiarato che “…non parteciperà ai processi e si aspetta che lo status, i privilegi e le immunità di cui gode l’Organizzazione siano pienamente accettati dalle autorità serbe inclusi i tribunali…”. Che effetto le fa trovarsi di fronte al principale indiziato che, nonostante le evidenze scientifiche, pretende per sé l’impunità?

Di fronte ad evidenze scientifiche di tale portata, la cui rilevanza non può essere semplicemente ignorata o sottaciuta, né tanto meno può essere aggirata la correlazione causale, non si nutrono dubbi sul “buon senso” dei giudicanti serbi, noti a livello mondiale per un più che elevato livello culturale giuridico.

-Torniamo in Italia dove i tribunali di ogni ordine e grado, grazie al lavoro dell’avvocato Tartaglia, stanno sistematicamente inchiodando il Ministero della difesa alle sue responsabilità per quella che le vittime italiane dell’uranio impoverito non esitano a definire “strage di stato”. Lei ha contribuito ad aprire un varco nel muro di gomma eretto dal Ministero. Pensa che l’atteggiamento omissivo degli alti vertici militari potrà durare ancora a lungo?

Man mano che il numero dei risultati cresce, via via che le conferme scientifiche si affastellano e si rafforzano dal punto di vista statistico, si assottiglia sempre più il cono d’ombra discrezionale utilizzato dal Ministero della difesa, che in ultimo si troverà costretto ad affrontare le proprie responsabilità.
Oggi, con i primi risultati ottenuti sulle matrici dei due cittadini serbi deceduti per le conseguenze di gravi patologie tumorali, siamo in possesso della conferma diretta che il drammatico bio-accumulo di metalli pesanti ha avuto, ha tutt’ora, e avrà nell’immediato futuro, una pesante ricaduta sulla salute della popolazione militare italiana immessa in teatri operativi fuori area e/o impiegata in poligoni dove i test di armi non convenzionali, da sempre, sono pratica quotidiana. I fattori di rischio identificati attraverso questa metodica di indagine sono il filo rosso che unisce le attività “non protette” svolte dal nostro personale militare e lo sviluppo di patologie oncologiche.

 
Gregorio Piccin
pubblicato su Il Manifesto
del 23.07.2022

Anche per il nuovo governo il 4 novembre è la “Giornata della cobelligeranza”

4novembreAnche per il nuovo governo il 4 novembre è la “Giornata della cobelligeranza”Il ministro della Difesa Crosetto dovrebbe chiarire se l’arrivo anticipato di nuove armi atomiche nelle basi Usa in Italia è stato concordato oppure subìto. E se vorrà interessarsi del destino degli ex soldati...

Guido Crosetto il conflitto perfetto

ministro difesaGuido Crosetto il conflitto perfettoGuido Crosetto sarà il ministro perfetto. Bene ha fatto Giorgia Meloni a piazzarlo al dicastero della difesa. Cosa peraltro che ci aspettavamo. Bene per gli azionisti dell’industria militare e per la belligeranza euro-atlantica del nostro Paese....

Servono azioni concrete per il cessate il fuoco, la distensione, il disarmo

STOP WARServono azioni concrete per il cessate il fuoco, la distensione, il disarmo:l'Italia faccia la sua parte! Il 21-22-23 ottobre in tutta Italia ed il 5 novembre a Roma ci saranno manifestazioni e presidi per chiedere il cessate il fuoco, la trattativa e una conferenza internazionale di pace....

Grazie per la fiducia riposta nel progetto di Unione Popolare

UNIONE POPOLAREGrazie per la fiducia riposta nel progetto di Unione PopolareCandidato al Senato Collegio Plurinominale FVG #ElezioniPolitiche2022 Voglio ringraziare tutte le persone che non hanno ceduto alle sirene stonate del voto utile o di altri, a me pare, strampalati ragionamenti.   Grazie...

Vi spiego in un minuto perché mi sono candidato con Unione Popolare

UNIONE POPOLAREVi spiego in un minuto perché mi sono candidato con Unione PopolareCandidato al Senato Collegio Plurinominale FVG #ElezioniPolitiche2022 Gregorio Piccin facebooktwitteryoutube

Unione Popolare al fianco delle vittime civili e militari dell’uranio impoverito.

UNIONE POPOLAREUnione Popolare al fianco delle vittime civili e militari dell'uranio impoverito.Basta soldati in missioni di guerra. L’uso massiccio di armi all’uranio impoverito da parte della NATO ha causato un disastro ambientale ed una vera e propria epidemia che ancora oggi continua a mietere...

Il 17 settembre con Unione Popolare a Ghedi e Aviano

#TPAN17 settembre Unione Popolare a Ghedi e AvianoSabato 17 settembre #UnionePopolare a #Ghedi e #Aviano per esigere la firma del trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari #TPAN. FUORI LE ATOMICHE DALL'ITALIA! FUORI L'ITALIA DALLA GUERRA FREDDA! Gregorio Piccin...

Cile, Italia, migranti… Una intervista a Enrico Calamai lo “Schindler di Buenos Aires”

intervistaCile, Italia, migranti... Una intervista ad Enrico Calamai lo "Schindler di Buenos Aires"All’indomani della bocciatura della nuova Costituzione cilena, abbiamo alcune domande rivolto a Calamai, ex diplomatico in America latina ai tempi delle dittature clerico-fasciste e oggi candidato al...

Una Difesa che non ci difende dalle vere emergenze

sicurezzaUna Difesa che non ci difende dalle vere emergenzeMentre resta al palo la messa in sicurezza del nostro territorio, prosegue senza sosta la corsa dell’Italia agli armamenti per rispondere alle esigenze della Nato Incendi, terremoti, alluvioni, bufere, inquinamento delle falde…Ce n’è per...

L’epidemia da uranio impoverito continua ad uccidere

uranioL'epidemia da uranio impoverito continua ad uccidereMa in Serbia la Nato pretende l’immunità. La quantità di uranio impoverito rilevata recentemente nei tessuti di due cittadini serbi morti a causa di gravi patologie tumorali, è risultata essere più di cinquecento volte superiore rispetto...

Il Paese è in fiamme. Le élite suonano l’arpa…

incendiIl Paese è in fiamme. Le élite suonano l'arpa...Era il 2012, 10 anni fa, quando la mia Valtramontina bruciò per 9 giorni di seguito. Ripubblico quindi i ragionamenti emersi da quell'evento che mi vide in prima fila (come volontario di protezione civile e come assessore all'ambiente) nel...

Molti nemici, molto onore

NONATOMolti nemici, molto onoreLa Nato alla conquista del mondo. Il nuovo “concetto strategico” della Nato approvato dal vertice di Madrid della scorsa settimana è il punto d’arrivo di una traiettoria tesa come un proiettile che comincia col vertice di Roma del 1991. Allora, subito dopo la prima...

Rottamiamo la NATO

nonatoRottamiamo la NATOLa NATO è una grave minaccia alla pace mondiale, è tra i più grandi inquinatori globali, è il motore della corsa agli armamenti… No alla NATO! Con queste parole inizia la dichiarazione della piattaforma PEACE SUMMIT MADRID 2022 organizzata, tra gli altri, dall’Assemblea...

Uranio impoverito e torio, la guerra in Ucraina è cancerogena

uranioUranio impoverito e torio, la guerra in Ucraina è cancerogenaOggi in Ucraina, con le armi russe e quelle fornite dalla Nato a Kiev. Ieri in Serbia, Kosovo Iraq, Bosnia, Afghanistan, Siria, Libia. L’uso di proiettili radioattivi irrompe nel conflitto scatenato da Putin. Uranio e torio, la...

Un Esercito europeo per la guerra mondiale? Appunti per un dibattito urgente.

La guerra in corso in Ucraina sembra segnare uno spartiacque. Non sarà questa guerra in sé ad aprire una nuova fase negli assetti globali ma di certo rappresenta il punto di arrivo di una traiettoria. Per il governo russo l’invasione è stata sia una chiara e rischiosa affermazione di potenza,...

Reduci contro la guerra

reduciReduci contro la guerraGli ex militari italiani vittime dell'uranio impoverito sono contro l'invio di armi e soldati e chiedono verità e giustizia per loro e per i civili a seguito della "pandemia da uranio" scatenata dalla Nato.In questo Paese in preda all'isteria belligerante si affaccia...

LETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANI

letteraLETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANICari soldati, care soldatesse Come voi ho prestato servizio nelle forze armate di questo Paese. Sono uno tra gli ultimi a cui arrivò la cartolina. Per me il servizio militare è stato una parentesi. Ho avuto modo di capire che la caserma era una copia...

L’«epidemia» da uranio impoverito

epidemiaL’«epidemia» da uranio impoveritoGuerre. Intervista all’avvocato Angelo Fiore Tartaglia che ha intentato causa alla Nato: «Oltre ai militari italiani colpiti, chiedono giustizia le vittime civili dei Paesi bombardati come Serbia e Afghanistan. Con 260 sentenze vinte per la sua iniziativa,...

Promosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»

manovrePromosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»Benedetto Figliuolo. La brigata corazzata Ariete di Pordenone parteciperà infatti all’ennesima esercitazione nella base “tedesca”, in realtà un poligono militare gestito direttamente dallo Us Army. Ad Honenfels si ammasseranno...

Da nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni

poligoniDa nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni Da sud a nord territori a servizio della belligeranza. Non c’è solo Quirra. In questi giorni tocca alla Carnia, dove l’esercitazione Frozen Arrow 2021 porta la guerra nelle case con muri e finestre che tremano per giorni come ci fosse il...

Pin It on Pinterest

Privacy Policy