Seleziona una pagina

No

I Finlandesi sono no-Nato…
e noi?

 
Il 58% dei finlandesi è contrario all’ingresso del proprio paese nella Nato contro un 22% favorevole ed un 20% indeciso. Questo il risultato di un sondaggio Gallup recentemente commissionato dal più autorevole quotidiano finlandese Helsingin Sanomat. Il governo, in linea con l’opinione popolare rappresentata dal sondaggio, ha ribadito che non intende richiedere l’adesione alla nota alleanza militare dominata dagli Stati Uniti se non in caso di un aggravamento delle condizioni di sicurezza per il paese e che comunque tale scelta dovrebbe essere subordinata ad un referendum.
Situazione simile in un altro paese nordico come la Svezia dove, secondo un sondaggio del luglio scorso condotto dall’agenzia Sifo per conto del quotidiano Svenska Dagbladet, la parte di popolazione favorevole all’ingresso nella Nato è scesa dal 41% nel 2016 al 33% nel 2017.
Sullo sfondo di questi dibattiti interni ai paesi che si affacciano sul mar Baltico ci sono le relazioni di vicinato con la superpotenza russa.
Sia Svezia che Finlandia, per quanto neutrali, sono “partner” Nato; in effetti si tratta di uno status ben più leggero di una vera e propria “membership” tanto che la stessa Mosca ha recentemente avvisato i rispettivi governi che un’adesione effettiva all’Alleanza atlantica sarebbe interpretata come una seria minaccia alla propria sicurezza a cui seguirebbero contromisure concrete (ad esempio dedicando alla bisogna una parte delle proprie risorse balistiche nucleari, ndr).
La guerra fredda è quindi tornata in auge. Sembra che non si riesca ad uscire dal “Secolo breve” tratteggiato da Eric Hobsbawm o dal “Secolo corto” descritto da Filippo Gaja (due libri dati alle stampe nel 1994, assolutamente da leggere per comprendere il presente).
Di chi è allora la colpa per questo nuovo sequel del drammatico e arcinoto film durato la bellezza di 45 anni?
Volendo dar credito al mainstream mediatico-politico la colpa, naturalmente, è tutta della Russia. Fin troppo facile: tolto il colbacco con la stella rossa, l’orso russo (fu sovietico) continua ad essere rappresentato come un Paese infido, aggressivo e minaccioso, che va contrastato con ogni mezzo. In effetti la Russia è una superpotenza con capacità nucleari globali ma volendo restare alla metafora dell’orso noi occidentali, capeggiati a debita distanza dagli infaticabili statunitensi, ci stiamo comportando come un male intenzionato gruppo di cacciatori che, avvicinandosi minacciosi all’orso, protestano perché questo ringhia mentre lo si circonda.
E’ dalla fine della guerra fredda che la Nato (nota alleanza “difensiva” sorta nel 1949 per contrastare preventivamente il Patto di Varsavia sorto postumo nel 1955) dilaga ad est operando una manovra di accerchiamento che, per ciò che riguarda la Russia, è arrivata decisamente al capolinea.
La Russia, che per varie ragioni anche di ordine interno ha per vent’anni osservato a distanza questa grande manovra, oggi è in grado di indicare autorevolmente e comprensibilmente uno stop.
Nella recente intervista di Oliver Stone a Vladimir Putin quest’ultimo ha affermato chiaramente che la Russia non cerca e non vuole una riedizione della guerra fredda, non ne ha alcun interesse. E c’è da credergli se consideriamo che l’ 80% del mercato mondiale degli armamenti è controllato dall’occidente (55% Stati uniti, 25% Europa).
Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano gli italiani della Nato anche considerando il fatto che gli accordi che regolano la presenza militare statunitense sul nostro territorio sono segreti dalla metà degli anni cinquanta: quali indicibili condizioni sono contenute in quei documenti per giustificare l’inquietante sigillo del segreto di stato?
Di certo l’Italia è un paese a sovranità limitata dalla fine della seconda guerra mondiale e paradossalmente ancora più supina ai dettami di Washington proprio dalla fine della (prima) guerra fredda. Forse è tempo di recuperare un po’ di dignità: quanto meno per mettere fine alla nostra inopinata ventennale belligeranza targata Nato che ha provocato la destabilizzazione di intere aree geografiche a noi vicine, epocali migrazioni disperate e non pochi danni alla nostra già scalcinata situazione economica interna.
Prendiamo esempio dai finlandesi: Nato? No grazie!
Gregorio Piccin 

Rottamiamo la NATO

nonatoRottamiamo la NATOLa NATO è una grave minaccia alla pace mondiale, è tra i più grandi inquinatori globali, è il motore della corsa agli armamenti… No alla NATO! Con queste parole inizia la dichiarazione della piattaforma PEACE SUMMIT MADRID 2022 organizzata, tra...

Uranio impoverito e torio, la guerra in Ucraina è cancerogena

uranioUranio impoverito e torio, la guerra in Ucraina è cancerogenaOggi in Ucraina, con le armi russe e quelle fornite dalla Nato a Kiev. Ieri in Serbia, Kosovo Iraq, Bosnia, Afghanistan, Siria, Libia. L’uso di proiettili radioattivi irrompe nel conflitto scatenato da...

Un Esercito europeo per la guerra mondiale? Appunti per un dibattito urgente.

La guerra in corso in Ucraina sembra segnare uno spartiacque. Non sarà questa guerra in sé ad aprire una nuova fase negli assetti globali ma di certo rappresenta il punto di arrivo di una traiettoria. Per il governo russo l’invasione è stata sia una chiara e rischiosa...

Reduci contro la guerra

reduciReduci contro la guerraGli ex militari italiani vittime dell'uranio impoverito sono contro l'invio di armi e soldati e chiedono verità e giustizia per loro e per i civili a seguito della "pandemia da uranio" scatenata dalla Nato.In questo Paese in preda...

LETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANI

letteraLETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANICari soldati, care soldatesse Come voi ho prestato servizio nelle forze armate di questo Paese. Sono uno tra gli ultimi a cui arrivò la cartolina. Per me il servizio militare è stato una parentesi. Ho avuto modo di capire che...

L’«epidemia» da uranio impoverito

epidemiaL’«epidemia» da uranio impoveritoGuerre. Intervista all’avvocato Angelo Fiore Tartaglia che ha intentato causa alla Nato: «Oltre ai militari italiani colpiti, chiedono giustizia le vittime civili dei Paesi bombardati come Serbia e Afghanistan. Con 260 sentenze...

Promosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»

manovrePromosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»Benedetto Figliuolo. La brigata corazzata Ariete di Pordenone parteciperà infatti all’ennesima esercitazione nella base “tedesca”, in realtà un poligono militare gestito direttamente dallo Us Army....

Da nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni

poligoniDa nord a sud si allarga l’Italia dei poligoni Da sud a nord territori a servizio della belligeranza. Non c’è solo Quirra. In questi giorni tocca alla Carnia, dove l’esercitazione Frozen Arrow 2021 porta la guerra nelle case con muri e finestre che tremano per...

La gabbia della NATO

NATOLa gabbia della NATOL’Italia è un Paese belligerante da trent’anni (prima guerra del Golfo, 1991): è secondo per effettivi ed assetti militari inviati all’estero nel quadro delle missioni Nato dopo gli Stati Uniti, nono nella “top ten” mondiale per produzione di...

Proposta indecente: armi ’beni essenziali’ esenti da Iva.

armiProposta indecente: armi ’beni essenziali’ esenti da Iva.Difesa europea. «Beni di consumo» molto particolari a quanto pare destinati all’esenzione totale dell’Iva: parliamo di armi e sistemi d’arma prodotti e venduti in Europa. Pane, latte e pasta sono considerati...

Famigliari delle vittime: presidio negato e promesse di risarcimento

vittimeFamigliari delle vittime: presidio negato e promesse di risarcimentoUranio impoverito. «Il nostro obbiettivo è che lo Stato riconosca il nesso di causalità tra le patologie (classiche o rare, dal tumore alle patologie al sistema nervoso) contratte dai militari...

Con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise

Cruise***Con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise Negli anni ’80 con Berlinguer e Pio La Torre costruimmo un enorme movimento pacifista contro l’installazione dei missili Cruise a Comiso che...

Per una convenzione nazionale pacifista. Un “piano B” per uscire dalla Nato

piano BPer una convenzione nazionale pacifista.Un “piano B” per uscire dalla Nato L’appello di Angelo Baracca​​ apparso​ su​​ il manifesto​ qualche giorno fa per una “convenzione nazionale pacifista” ci sembra centrato e condivisibile. Come Rifondazione Comunista e...

Lo sbarco della Nato

natoLo sbarco della NatoDefender Europe 2021. Mega-esercitazione con 28 mila soldati di 26 Paesi: costa mezzo miliardo di dollari. Il generale Walters in Albania cita il «D-Day» lo sbarco in Normandia degli alleati nel 1944 .Ieri ha aperto i battenti la più grande...

ItaliAfrique

guerraItaliAfrique:chiamata alle armi e agli affari, nel Sahel il signorsì dell’Italia a Macron Lo scorso martedì il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, è andato a Parigi per incontrare la sua omologa Parly e concludere affari e impegni militari. Affari e impegni...

Resilienza atlantica

armiResilienza atlanticaResilienza atlantica. Il ministro Guerini conferma un budget da 24 miliardi di euro e l'appartenenza del paese all'atlantismo della Nato. Sullo sfondo la presunta minaccia rappresentata da Russia e Cina, ma smentita dai numeri sull'incremento...

La “maledizione” di Leonardo

industria bellicaLa “maledizione” di LeonardoIndustria bellica. Profumo, con buona probabilità, non vedrà messa in discussione la sua attuale carica dal Cda della principale industria bellica di bandiera, anche perché nel frattempo è stato nominato presidente della...

L’uranio contro i civili

StorieL’uranio contro i civiliStorie. Un avvocato italiano e il suo collega serbo insieme nel difendere le vittime civili e militari dell’uranio impoverito utilizzato alla fine degli anni ’90 dalla Nato nell’ex Jugoslavia La responsabilità istituzionale per le...

L’uranio uccide ancora

uranioL’uranio uccide ancora Da trent'anni l’uranio impoverito, modificato per rendere più micidiali i proiettili anticarro e i missili Cruise è stato impiegato dalla Nato nei suoi bombardamenti in Iraq, Bosnia, Jugoslavia. Il metallo pesante ha portato la guerra...

Il nostro vicino atomico

Armi nucleariIl nostro vicino atomicoArmi nucleari. Cominciano oggi in Bretagna i test francesi per il missile intercontinentale M-51. Piano da 100 miliardi per la flotta di sommergibili nucleari. In arrivo anche la seconda portaerei della classe De Gaulle. I...

Pin It on Pinterest

Privacy Policy