Seleziona una pagina

disorder

Controvertice New World Disorder

Lo scorso sabato si è tenuto il contro-vertice “New world (dis)Order” presso la chiesa battista di Bloomsbury che ha messo a disposizione i suoi spazi in aperta solidarietà con i contenuti pacifisti della giornata,.
L’evento organizzato dal coordinamento europeo “No to War-No to Nato” col sostegno finanziario della Sinistra europea è stato la prima risposta della Londra antimilitarista al vertice ospitato in questa città dal governo di Boris Johnson.
Vi hanno partecipato esponenti ed attivisti del pacifismo continentale (Francia, Spagna, Germania, Svezia, Italia, Grecia, Finlandia, Belgio, Irlanda, Olanda, Austria) e statunitense oltre ai delegati di alcuni partiti della Sinistra europea (per l’Italia Rifondazione Comunista).
I lavori del contro-vertice sono stati aperti dallo scrittore e film maker Tariq Alì che ha sottolineato come la Nato abbia definitivamente dimostrato la sua vera natura offensiva con i bombardamenti sulla Jugoslavia del 1999 e con la sua provocatoria avanzata verso est, arrivata a compimento col golpe sostenuto in Ucraina nel 2014 e lanciando la sua seconda guerra fredda nel momento stesso in cui terminò la prima.
Immancabile un riferimento alle imminenti elezioni politiche che ha strappato gli applausi dell’assemblea: “Spero che vinca Jeremy Corbyn” – ha concluso il suo intervento Alì -“e che poi a manifestare per strada ci vadano quelli che la guerra la vogliono!”.
Gli stessi sostenitori locali della campagna per Corbyn, presenti numerosi al contro-vertice, hanno tuttavia smorzato gli entusiasmi in questo senso facendo notare come il Labour debba ancora essere “de-blairizzato”.
Campagna elettorale a parte, il contro-vertice si è concentrato sull’analisi puntuale delle nuove strategie della Nato: il suo farsi globale con la proposta di coinvolgimento della Colombia e della Corea del Sud, il rilancio del nucleare tattico e strategico sulla scia della dottrina statunitense scaturita dall’uscita unilaterale dal trattato Inf, la militarizzazione dello spazio come ultima frontiera della supremazia militare, le pesanti responsabilità dell’industria militare occidentale nel rilancio della corsa agli armamenti e della belligeranza globale.
Gli attivisti francesi hanno messo in evidenza come sia del tutto pretestuoso indicare nella Russia un nemico minaccioso quando la spesa militare della Francia di Macron, che da sola vale 295 miliardi di euro in cinque anni, già supera quella della superpotenza.
Il fatto davvero interessante di questo contro-vertice è stato che tutte le nazionalità rappresentate in esso si sono fatte carico dell’analisi serrata e della denuncia delle responsabilità di guerra dei rispettivi governi componendo così il mosaico della montante militarizzazione dell’Unione europea a trazione franco-tedesca.
Gli attivisti tedeschi hanno infatti sottolineato come questo pesante riarmo, che ha come punto d’arrivo dichiarato la costituzione di un vero e proprio esercito comune, non sia per nulla una alternativa alla Nato ma piuttosto il tentativo di ricomporre e far valere gli interessi neocolonialisti europei nel quadro atlantico.
Ha concluso i lavori Reiner Braun, portavoce del coordinamento “No to War-No to Nato”, auspicando un avvicinamento e commistione della campagna antimilitarista con quella ambientalista e proponendo una road map di lavoro per il 2020 che si concentri sulla denuncia del pesante riarmo della Ue e che possa culminare con una conferenza presso il parlamento europeo a fine anno col supporto del gruppo parlamentare della Sinistra europea. E naturalmente invitando tutti i presenti alla manifestazione di oggi davanti a Buckingham Palace.
Articolo originale di Gregorio Piccin sul Manifesto del 2 dicembre 2019

Per un’agenda di pace e giustizia sociale, dopo il 5 novembre.

agenda pacePer un’agenda di pace e giustizia sociale, dopo il 5 novembreLa guerra in Ucraina è la fiera degli errori e degli orrori ed è pagata, come tutte le guerre, dalle persone comuni in termini di vite umane e sofferenze per la crisi sociale che l’accompagna. Iniziata nel 2014 come guerra...

Anche per il nuovo governo il 4 novembre è la “Giornata della cobelligeranza”

4novembreAnche per il nuovo governo il 4 novembre è la “Giornata della cobelligeranza”Il ministro della Difesa Crosetto dovrebbe chiarire se l’arrivo anticipato di nuove armi atomiche nelle basi Usa in Italia è stato concordato oppure subìto. E se vorrà interessarsi del destino degli ex soldati...

Guido Crosetto il conflitto perfetto

ministro difesaGuido Crosetto il conflitto perfettoGuido Crosetto sarà il ministro perfetto. Bene ha fatto Giorgia Meloni a piazzarlo al dicastero della difesa. Cosa peraltro che ci aspettavamo. Bene per gli azionisti dell’industria militare e per la belligeranza euro-atlantica del nostro Paese....

Servono azioni concrete per il cessate il fuoco, la distensione, il disarmo

STOP WARServono azioni concrete per il cessate il fuoco, la distensione, il disarmo:l'Italia faccia la sua parte! Il 21-22-23 ottobre in tutta Italia ed il 5 novembre a Roma ci saranno manifestazioni e presidi per chiedere il cessate il fuoco, la trattativa e una conferenza internazionale di pace....

Grazie per la fiducia riposta nel progetto di Unione Popolare

UNIONE POPOLAREGrazie per la fiducia riposta nel progetto di Unione PopolareCandidato al Senato Collegio Plurinominale FVG #ElezioniPolitiche2022 Voglio ringraziare tutte le persone che non hanno ceduto alle sirene stonate del voto utile o di altri, a me pare, strampalati ragionamenti.   Grazie...

Vi spiego in un minuto perché mi sono candidato con Unione Popolare

UNIONE POPOLAREVi spiego in un minuto perché mi sono candidato con Unione PopolareCandidato al Senato Collegio Plurinominale FVG #ElezioniPolitiche2022 Gregorio Piccin facebooktwitteryoutube

Unione Popolare al fianco delle vittime civili e militari dell’uranio impoverito.

UNIONE POPOLAREUnione Popolare al fianco delle vittime civili e militari dell'uranio impoverito.Basta soldati in missioni di guerra. L’uso massiccio di armi all’uranio impoverito da parte della NATO ha causato un disastro ambientale ed una vera e propria epidemia che ancora oggi continua a mietere...

Il 17 settembre con Unione Popolare a Ghedi e Aviano

#TPAN17 settembre Unione Popolare a Ghedi e AvianoSabato 17 settembre #UnionePopolare a #Ghedi e #Aviano per esigere la firma del trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari #TPAN. FUORI LE ATOMICHE DALL'ITALIA! FUORI L'ITALIA DALLA GUERRA FREDDA! Gregorio Piccin...

Cile, Italia, migranti… Una intervista a Enrico Calamai lo “Schindler di Buenos Aires”

intervistaCile, Italia, migranti... Una intervista ad Enrico Calamai lo "Schindler di Buenos Aires"All’indomani della bocciatura della nuova Costituzione cilena, abbiamo alcune domande rivolto a Calamai, ex diplomatico in America latina ai tempi delle dittature clerico-fasciste e oggi candidato al...

Una Difesa che non ci difende dalle vere emergenze

sicurezzaUna Difesa che non ci difende dalle vere emergenzeMentre resta al palo la messa in sicurezza del nostro territorio, prosegue senza sosta la corsa dell’Italia agli armamenti per rispondere alle esigenze della Nato Incendi, terremoti, alluvioni, bufere, inquinamento delle falde…Ce n’è per...

L’epidemia da uranio impoverito continua ad uccidere

uranioL'epidemia da uranio impoverito continua ad uccidereMa in Serbia la Nato pretende l’immunità. La quantità di uranio impoverito rilevata recentemente nei tessuti di due cittadini serbi morti a causa di gravi patologie tumorali, è risultata essere più di cinquecento volte superiore rispetto...

Il Paese è in fiamme. Le élite suonano l’arpa…

incendiIl Paese è in fiamme. Le élite suonano l'arpa...Era il 2012, 10 anni fa, quando la mia Valtramontina bruciò per 9 giorni di seguito. Ripubblico quindi i ragionamenti emersi da quell'evento che mi vide in prima fila (come volontario di protezione civile e come assessore all'ambiente) nel...

Molti nemici, molto onore

NONATOMolti nemici, molto onoreLa Nato alla conquista del mondo. Il nuovo “concetto strategico” della Nato approvato dal vertice di Madrid della scorsa settimana è il punto d’arrivo di una traiettoria tesa come un proiettile che comincia col vertice di Roma del 1991. Allora, subito dopo la prima...

Rottamiamo la NATO

nonatoRottamiamo la NATOLa NATO è una grave minaccia alla pace mondiale, è tra i più grandi inquinatori globali, è il motore della corsa agli armamenti… No alla NATO! Con queste parole inizia la dichiarazione della piattaforma PEACE SUMMIT MADRID 2022 organizzata, tra gli altri, dall’Assemblea...

Uranio impoverito e torio, la guerra in Ucraina è cancerogena

uranioUranio impoverito e torio, la guerra in Ucraina è cancerogenaOggi in Ucraina, con le armi russe e quelle fornite dalla Nato a Kiev. Ieri in Serbia, Kosovo Iraq, Bosnia, Afghanistan, Siria, Libia. L’uso di proiettili radioattivi irrompe nel conflitto scatenato da Putin. Uranio e torio, la...

Un Esercito europeo per la guerra mondiale? Appunti per un dibattito urgente.

La guerra in corso in Ucraina sembra segnare uno spartiacque. Non sarà questa guerra in sé ad aprire una nuova fase negli assetti globali ma di certo rappresenta il punto di arrivo di una traiettoria. Per il governo russo l’invasione è stata sia una chiara e rischiosa affermazione di potenza,...

Reduci contro la guerra

reduciReduci contro la guerraGli ex militari italiani vittime dell'uranio impoverito sono contro l'invio di armi e soldati e chiedono verità e giustizia per loro e per i civili a seguito della "pandemia da uranio" scatenata dalla Nato.In questo Paese in preda all'isteria belligerante si affaccia...

LETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANI

letteraLETTERA APERTA AI SOLDATI ITALIANICari soldati, care soldatesse Come voi ho prestato servizio nelle forze armate di questo Paese. Sono uno tra gli ultimi a cui arrivò la cartolina. Per me il servizio militare è stato una parentesi. Ho avuto modo di capire che la caserma era una copia...

L’«epidemia» da uranio impoverito

epidemiaL’«epidemia» da uranio impoveritoGuerre. Intervista all’avvocato Angelo Fiore Tartaglia che ha intentato causa alla Nato: «Oltre ai militari italiani colpiti, chiedono giustizia le vittime civili dei Paesi bombardati come Serbia e Afghanistan. Con 260 sentenze vinte per la sua iniziativa,...

Promosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»

manovrePromosso sul campo, manovre all’estero e il virus si «esercita»Benedetto Figliuolo. La brigata corazzata Ariete di Pordenone parteciperà infatti all’ennesima esercitazione nella base “tedesca”, in realtà un poligono militare gestito direttamente dallo Us Army. Ad Honenfels si ammasseranno...

Pin It on Pinterest

Privacy Policy